DA DOVE VIENE HALLOWEEN

HalloweenHalloween e’ una ricorrenza che si e’ costruita nei secoli, cambiando di significato cultura dopo cultura. Uno dei suoi aspetti piu’ interessanti e’ che non riguarda solo gli Americani.

 Origini

Le sue origini non sono del tutto chiare, ma potrebbero risalire ai Celti, migliaia di anni fa. A quel tempo questa ricorrenza serviva soprattutto per esorcizzare la paura della morte a causa di un inverno troppo rigido e un raccolto scarso. La gente si riuniva facendo grandi falo’ che attiravano gli insetti, e gli insetti attiravano i pipistrelli (poi diventati uno dei simboli di Halloween).

Piu’ tardi questa ricorrenza fu adottata dai Romani, cambiando leggermente nel significato. Si festeggiava il 13 Ottobre e invece di esorcizzare la paura della morte, si festeggiavano i propri morti, offrendo loro del cibo (per esempio versando del latte sulle loro tombe).

A questo periodo potrebbe risalire la raffigurazione dei fantasmi come li conosciamo ora, coperti da un lenzuolo, ovvero il sudario in cui venivano avvolti i morti.

Per agevolare la conversione alla cultura cristiana, molte feste pagane furono mantenute cambiandone il nome (com’e’ successo col Natale), cosi’ si mantenne la tradizione di festeggiare i morti (All Hallows), ma per segnare una differenza e allontanarsi dalla cultura precedente, probabilmente Papa Gregorio III la sposto’ al 1 Novembre.
Ora la festa aveva un carattere religioso e sacro e aveva perso la componente ludica, quindi la popolazione prese a sfogare la propria voglia di gioco la sera prima, diventando All Hallows’ Eve (La notte prima di Tutti i morti), progressivamente abbreviato in Halloween.

Nel Medioevo i Cristiani inventarno il Purgatorio, un luogo non brutto come l’Inferno, ma neanche santo come il Paradiso, in cui la maggior parte delle anime finiva per espiare i propri peccati. Le preghiere aiutavano ad accorciare questo periodo, quindi, la Notte dei Morti i bambini giravano di casa in casa offrendo le loro preghiere per i defunti in cambio di dolci e cibo.

Piu’ tardi, nel 1600 e le grandi migrazioni negli Stati Uniti, esistevano due grandi fazioni tra i Pellegrini: i Cattolici che volevano ostacolare questa festa di origini pagane e i Protestanti che la volevano favorire, e questa battaglia ideologica ne ha rafforzato l’importanza.

Con la Guerra di Secessione Americana (1861-1865) le perdite da parte di entrambi gli schieramenti furono enormi. Molti morti non trovarono sepoltura e rimasero sui campi di battaglia. Tante famiglie non conoscevano che fine avessero fatto i propri cari e in questo periodo si diffusero le storie di fantasmi, le piu’ popolari delle quali riguardavano soldati morti che tornavano a casa.

Era moderna

Con i grandi flussi migratori arrivarono negli Stati Uniti gli Irlandesi, famosi per bere tanto e per i loro scherzi pesanti. Negli anni della Depressione, forse anche a causa della disperazione della maggior parte della gente e una scusa per evadere, gli scherzi di Halloween erano diventati emergenza nazionale, con episodi di vandalismo pericolosi e che facevano le prime pagine dei giornali: edifici bruciati, pietre scagliate contro le finestre, cancelli aperti in modo che il bestiame scappasse, macchine smontate e ricostruite sui tetti delle case.

Per evitare questi problemi Halloween fu progressivamente spinto come festa per bambini, e invece di girare per le case, incentivate le parate di costumi.

Sempre in quel periodo iniziavano a vedersi le potenzialità economiche di questa festa, e invece di fare in casa i propri costumi, un’azienda offriva vestiti di carta a basso prezzo con cui tutti i bambini potevano mascherarsi.

Pur sembrando una buona idea, questi vestiti di carta avevano lo svantaggio di prendere fuoco facilmente e non andavano d’accordo con le zucche con la candela dentro.

Quindi i vestiti di carta furono presto sostituiti da veri e propri costumi.

Le origini di DOLCETTO O SCHERZETTO (Trick or Treat)

Le origini di Dolcetto o Scherzetto si perdono nelle migliaia di anni di storia di Halloween, ma secondo alcuni potrebbe averne meno di 80. Nel 1939 una donna americana decise di aprire la propria casa ai bambini e… corromperli con dei dolci.

Il giorno dopo scrisse a un giornale entusiasta, sostenendo che a differenza dei suoi vicini non aveva ricevuto scherzi e proponeva di fare la stessa cosa, accogliendo i bambini con dei dolci.

Halloween in Italia

In Italia lo spirito di questa tradizione è combattuto: da una parte il commercio spinge per introdurla, perchè significa vendite, dall’altra in molti si oppongono, non considerandola parte della nostra cultura. Ma, fatto interessante, lo è.

Per chi sa l’inglese e vuole saperne di più, di seguito trovate un interessante documentario su questo argomento.

Se invece volete leggere di più, questo articolo su Wikipedia appagherà ogni vostra curiosità.

 

Lascia un commento